Workshop “La tutela delle imprese italiane in Albania: idee e soluzioni per il business claim”

Lo scorso mercoledì 7 febbraio 2018, presso il “Tirana International Hotel”, si è tenuto l’incontro di studio intitolato: “La tutela delle imprese italiane in Albania: idee e soluzioni per il business claim”, organizzato dall’’Ufficio Commerciale dell’Ambasciata d’Italia in Albania, la CCIA – Camera di Commercio Italiana in Albania – e l’Agenzia ICE in collaborazione con la Camera Arbitrale di Venezia e l’Associazione Resolutia – Gestione delle Controversie, di Perugia.

L’evento, che si è aperto con i saluti portati dall’Ambasciatore d’Italia a Tirana, S.E. Alberto Cutillo ed è stato moderato dal Presidente della CCIA, dott. Antonio Nidoli, ha rappresentato un momento di approfondito confronto sulle problematiche che riguardano il settore manifatturiero italo-albanese, in particolare per quanto attiene agli aspetti doganali, fiscali e legali che vincolano l’attività degli operatori economici. Il numeroso pubblico, infatti, ha potuto confrontarsi direttamente con alcuni rappresentanti delle istituzioni albanesi, quali il dott. Xhavit Curri, vicedirettore Generale dell’Ufficio Imposte, e la dott.ssa Mirella Meko, vicedirettore Generale dell’Amministrazione Doganale, nonché diversi esperti del settore fiscale, contabile e legale, come il dott. Andrea Lombardi, Dirigente dell’Agenzia delle Dogane italiana, la dottoressa Ilda Duhanxhiu, dello studio di consulenza fiscale Pas Union & Trust e l’avvocato Armando Toslluku dello studio legale Kalo & Associates.

L’incontro, peraltro, ha voluto anche rappresentare un momento di stimolo per favorire un diverso ed innovativo approccio nei rapporti tra operatori economici ed istituzioni: in quest’ottica, oltre all’intervento dell’avvocato Maurizio Di Rocco, vicepresidente dell’Associazione RESOLUTIA, sul tema dei metodi di risoluzione alternativa delle controversie (c.d. metodi “A.D.R.”), nel corso dell’evento è stato formalizzato, alla presenza dell’Autorità diplomatica, un protocollo di intesa tra la Camera di Commercio Italiana in Albania e la Camera Arbitrale di Venezia per l’apertura di uno “Sportello Arbitrale” presso la sede della CCIA di Tirana.

Dalla data della sottoscrizione dell’accordo, avvenuta per mano dei rispettivi Presidenti dei due Enti, il dott. Antonio Nidoli e l’avvocato Patrizia Chiampan, ogni operatore economico interessato a risolvere, in modo rapido ed efficace, il proprio contenzioso transfrontaliero rivolgendosi direttamente presso la sede della CCIA di Tirana per chiedere l’attivazione di una procedura arbitrale che verrà gestita secondo le modalità ed i termini previsti dal Regolamento di arbitrato vigente presso l’ente veneziano.

A coronamento di tale accordo, il dott. Nidoli ha illustrato anche l’innovativo strumento del Desk telematico che la CCIA ha implementato e messo a disposizione delle aziende nell’intento di fornire una risposta sempre più pronta ed efficace a fronte delle numerose richieste di supporto ed assistenza provenienti dal mondo imprenditoriale.

A chiusura dell’evento, il dott. Serafino Stajano, Primo Segretario Commerciale Ambasciata d’Italia, e la dott.ssa Elisa Scelsa, Direttrice Generale dell’Istituto per il Commercio Estero –ICE, hanno quindi evidenziato le plurime azioni di tutela, promozione e sviluppo poste in essere dalle rispettive Istituzioni a sostegno dell’internazionalizzazione delle imprese e la creazione di un clima favorevole agli scambi economico-commerciali tra i due Italia ed Albania.

A margine del workshop, il numeroso pubblico intervenuto è stato intrattenuto con la degustazione di vini e prodotti italiani, nell’appuntamento denominato “Un bicchiere… di business” offerto dall’Ambasciata d’Italia.



Lascia un commento